Fly and Drive Florida + Miami gen17

Tags

Related Posts

Share This

Fly and Drive Florida + Miami

Fly and drive della Florida, avventura emozioni e scoperta…

 

florida fly and drive1 212x300 Fly and Drive Florida + Miami

  • Volo intercontinentale  con tasse incluse
  • Pernottamenti come menzionati da programma
  • Noleggio auto Hertz :  Km illimitati, Riduzione penalità risarcitaria danno e furto (LDW), Copertura supplementare Responsabilità Civile (LIS),3 guidatori aggiuntivi, primo pieno di benzina, Oneri aeroportuali, tassa di vendita, tassa di circolazione e tasse locali (VAT).
  • Kit da viaggio : cartine , stradario Assicurazione Medico bagaglio

 

leggi articolo 150x150 Fly and Drive Florida + Miami richiedi preventivo Fly and Drive Florida + Miami

PROGRAMMA FLY AND DRIVE

image 21 249x300 Fly and Drive Florida + Miami

  1. Miami-  (The Dorchester)
  2. Key West - ( Days Inn Key West)
  3. Everglades National Park ( Miccosukee Resort )
  4. Naples - ( Red Roof Inn Naples )
  5. Sarasota - ( Ramada Inn Waterfront )
  6. Silver Springs - ( Sleep Inn & Suites)
  7. St. Augustine - (Quality Inn Historic St. Augustine )
  8. St. Augustine - (Quality Inn Historic St. Augustine )
  9. Orlando - ( Days Inn Seaworld )
  10. Orlando - ( Days Inn Seaworld )
  11. Orlando - ( Days Inn Seaworld )

 

INFORMAZIONI DI VIAGGIO – ARTICOLO  PLAY VIAGGI 2014

avventura 300x300 Fly and Drive Florida + Miami

 

La Florida, situata nella East part del continente americano, si estende quasi interamente sull’omonima penisola, è bagnata dal Golfo Del Messico e dall’Oceano Atlantico e confina con Georgia e Alabama. Il modo ideale per cogliere le mille sfaccettature di questo Paese è un tour in macchina. Per questo vogliamo proporvi un Fly and Drive che vi accompagni verso le mete “imperdibili” di questo splendido territorio.

Atterrati in aeroporto, sarà il clima subtropicale a darvi il benvenuto: sole quasi tutto l’anno, elevato tasso di umidità e brevi piovaschi. Il clima è senza dubbio più piacevole durante la stagione secca tra ottobre ed aprile, ma  anche nella stagione umida il fascino è irresistibile.

Chi viaggia d’estate porterà in valigia con sé almeno un costume da bagno, un impermeabile leggero per proteggersi dagli scrosci improvvisi

(soprattutto nel tardo pomeriggio), una felpa sempre pronta all’uso (preferibile lasciarne una in macchina) da indossare quando si entra nei grandi supermarket o locali pubblici in genere; infatti, all’interno, l’aria condizionata è altissima e l’escursione termica potrebbe giocarvi brutti scherzi!

Miami

Miami  è la nostra prima tappa, da qui inizia la’avventura per il nostro Fly and Drive, dove atterreremo con un volo di linea e potremo ritirare la nostra macchina, compagna inseparabile di questo tour. Il viaggio in realtà inizia già dalla fase poco precedente all’atterraggio quando avremo la possibilità di ammirare la città dall’alto: subito colpiscono  i  quartieri residenziali  caratterizzati quasi esclusivamente da villette con piscina  o da edifici di pochi piani.  La città appare ordinatamente divisa da strade tutte perpendicolari  ed è facile distinguere DownTown dalle aree residenziali, da quelle commerciali o riservate agli uffici, dai quartieri ricchi. Il verde lussureggiante e il mare poco distante rendono fin da subito molto promettente il nostro viaggio.

Ritirata la nostra auto in aeroporto, ci sposteremo verso l’albergo per lasciare i bagagli. Cominciando a guidare ci accorgiamo presto che la metropoli di Miami è in realtà una serie di città nella città: Miami, Miami beach, Coconut Groove, Coral Gables, Little Havana (per citarne alcune) sono divise tra loro da semplici “freeways” ma sono profondamente diverse una dall’altra e si rimane spiazzati da come gli scenari mutino così rapidamente.

DOWN TOWN

Downtown Miami 150x150 Fly and Drive Florida + Miami Il nostro giro della città inizia da Down Town, centro nevralgico della vita commerciale e caratterizzata da uffici e alti grattacieli che si affacciano sulla Biscayne Bay. Prima meta culturale del nostr viaggio è il Miami Art Museum, sicuramente il più importante e conosciuto. Proseguendo verso la punta sud di  Biscayne Bay, a pochi chilometri da dove ci troviamo, arriviamo al Bill Baggs Cape Florida State Park, un’oasi tropicale all’interno della quale passeggiare o girare in bici per ammirare la folta e rigogliosa vegetazione, ma anche nuotare, pescare, fare picnic e alloggiare in camping. A circa 8 km dalla costa, si trova Biscayne Key, isola dalle belle spiagge collegata alla laguna da una strada.

Tappe successive sono Coconut Groove e Coral Gables, due quartieri residenziali limitrofi dove sorgono ville di prestigio avvolte da una lussureggiante vegetazione. Passiamo sui lunghi viali alberati dove lo sfarzo e gli eccessi si respirano già nell’aria; poco più in là sorge l’università e il quartiere studentesco.

Lo scenario cambia radicalmente quando arriviamo a Little Havana

la zona cubana della città caratterizzata da case basse e colorate. Qui si concentrano molte comunità latino-americane e, ovviamente, la lingua parlata è lo spagnolo (si potrebbe incontrare qualche difficoltà nel chiedere indicazioni in inglese). Questo quartiere è l’emblema della “doppia vita” di Miami che la erge a trait d’union tra il mondo anglosassone e il mondo caraibico.

QUARTIERE ART DECO’

miami art deco 150x150 Fly and Drive Florida + Miami Dopo aver attraversato il ponte che la divide dal resto della città, la nostra giornata prosegue a Miami Beach, divenuta famosissima oltre Oceano per aver ospitato il set di diverse serie televisive. Qui veniamo subito ammaliati dall’Art Decò District, situato nella parte meridionale, con edifici dalle tinte pastello e che oggi sono principalmente adibiti ad alberghi di lusso. Passeggiare all’interno delle sue vie è d’obbligo! Percorriamo alcune tra le vie più famose, come Rodeo Drive, Lincoln Road e Ocean Drive, con un occhio sempre rivolto alle lunghe spiagge e alle mitiche torrette stile “Baywatch”.Rimaniamo qui per assaporare la vita notturna della città; la zona, infatti, pullula di locali e ristoranti pronti a soddisfare tutti i gusti.

Key West

La seconda tappa del nostro viaggio ci porta a Key West,

antico covo dei pirati, dove leggenda e realtà si mescolano.

Percorriamo l’Overseas Highway dalla quale si scorgono le isole Keys, un arcipelago di 42 piccole isole che si protende tra l’Oceano Atlantico e il Golfo del Messico fino a lambire il Mar dei Carabi. Un ponte dopo l’altro (ne abbiamo contati ben 42) si arriva a Key West situata nella punta meridionale.

Visita alle isole Keys 150x150 Fly and Drive Florida + Miami Parcheggiamo la macchina e ci addentriamo nel pittoresco centro frequentato da turisti e dai pescatori di zona. Dedicatevi ad una giornata rilassante per addentrarvi nel clima della città, un mix di New England e Caraibi; passeggiando lungo la via principale Duval Street che unisce l’Oceano Atlantico al Golfo del Messico e per questo è, curiosamente, definita dai locali “la via più lunga del mondo”, non possiamo non notare la particolare architettura delle vecchie case basse, tutte in legno e recuperate prevalentemente da antiche imbarcazioni naufragate. Arriviamo a Mallory Square, la piazza principale, conosciuta per il suo spettacolare tramonto. La piazza si affaccia sull’Oceano e ogni sera è popolata per assistere alla Sunset Celebration: ci sono bancarelle, locali e artisti di strada che si esibiscono fino al tramonto.

Dedichiamo un mini tour ad Ernest Hemingway  che visse su quest’isola per tanti anni; visitiamo la residenza dove scrisse alcuni dei suoi capolavori quali Il Vecchio e il mare ispirati a questa isola magica e poi ci dirigiamo verso il suo locale preferito, ora divenuto di culto: lo Sloppy’s Joes; un pub caratteristico con  una tabella che ci mette in guardia su dove riusciremo ad arrivare, una volta fuori dal pub, dopo aver bevuto uno, due o tre boccali di birra!

IL PUNTO PIU’ A SUD DEGLI STATI UNITI

Southern Most Point 19990601 001 150x150 Fly and Drive Florida + Miami Curiosando in giro vi ritroverete a Southermost point: un monumento di cemento che indica il punto più a sud degli Stati Uniti a soli 90 miglia da Cuba; scopriamo anche Clinton Square Market dove si trova un grande acquario, la chiesa di St. Paul’s Episcopal, l’antico faro. La nostra permanenza qui si conclude con una foto accanto alla scritta

“end of the rainbow” e forse è vero, proprio qui finisce l’arcobaleno.

Everglades National Park

Una giornata all’insegna della natura è interamente dedicata alla visita dell’Everglades National Park, la più grande e selvaggia riserva subtropicale del paese.

Dichiarato patrimonio dell’umanità dall’Unesco, il parco si presenta come un insieme di selvagge paludi e acquitrini dalle vegetazione spettacolare ed ospita al suo interno una moltitudine di specie animali  tra cui alligatori, delfini, serpenti, aquile, falchi, insetti, tartarughe, antilopi, centinaia di specie di uccelli e di pesci e, non ultima, la pantera della Florida (uno dei mammiferi in via di estinzione).

fan boat airboat everglades 150x150 Fly and Drive Florida + Miami

Entrando è possibile scegliere tra una infinità di escursioni: bicicletta, passeggiate, canoa o kayak; noi non abbiamo rinunciato ad un giro sugli airboat, le veloci imbarcazioni ad elica sulle quali abbiamo avuto la sensazione di volare sulla superficie dell’acqua e attraversare il cosiddetto “fiume d’erba” che caratterizza la zona

Naples

Il nostro tour prosegue alla volta di Naples il cui nome, inutile a dirlo,

è proprio in onore della città partenopea e del suo clima mite

La città non è molto grande e non vi sono attrazioni paragonabili alle grandi metropoli, tuttavia la visita della città è piuttosto piacevole e non mancano le sorprese.

4266716544 40087cc807 o 150x150 Fly and Drive Florida + Miami La cittadina, abitata attualmente da circa 20 mila persone è situata su una bella baia da cui è possibile accedere ad un lungo pontile (circa 180 metri). Un giro a piedi svela subito la vocazione turistica di questo posto, strabordante di locali dal nome italico – soprattutto ristoranti; passiamo da Venetian Bay prima di andare in centro, dove si possono ammirare decine di ville prestigiose costruite su crocevia dei canali. Arriviamo  a Downtown dalla via principale la  Main Street 5th Avenue South e anche qui il lusso e l’eleganza regnano sovrani; ciò che colpisce è la pace e i verdi giardini lussureggianti all’interno dei quali fanno capolino i tetti o i porticati delle case. Il Teatro Sugden Community, fondato dalla compagnia teatrale The Players Napoli, merita una breve sosta.

Sarasota

Da qui proseguiamo lungo la costa del Messico ala volt di Sarasota raggiungibile da due strade molto diverse tra loro: la Highway 41, più panoramica ma più lunga e trafficata e la Interstate 75 maggiormente diretta ma meno caratteristica.

La città conta più di 50 mila abitanti ed è curiosamente gemellata con Treviso.

Una tappa tutt’altro che impegnativa ci vede “costretti” a lunghi bagni e riposo sulle meravigliose spiagge. Verso sera suggeriamo una riposante passeggiata sul lungomare con direzione St. Armands Circle, una piazza situata intorno ad un parco circolare dove in quattro quadranti ben definiti si concentrano locali, negozi e ristoranti per cenare.

Silver Spring

Una sosta è d’obbligo per visitare il Silver Springs Natural Theme Park, un gigantesco parco naturale che raccoglie e custodisce le 50 sorgenti naturali situate dove nasce il fiume Silver.

Curiostà: sapevate che queste acque vanno a formare il più grande pozzo artesiano del mondo con una produzione di 18.927 litri di acqua al secondo.

silversprings 150x150 Fly and Drive Florida + Miami Ci addentriamo nella superba vegetazione e iniziamo a capire perchè gli indiani Timucuan adoravano queste fonti, lasciandoci trasportare sui barconi con il fondo di vetro. Oggi il parco a tema comprende numerose attrazioni e spettacoli ed è tra le principali attrazioni della Florida; fate attenzione agli orari di apertura, generalmente compresi tra le 10 e le 17.

St. Augustine

St. Augustine è il più antico insediamento europeo ed è stata fondata nel 1565 dagli spagnoli. Oggi la città punta moltissimo sul turismo nonostante le poche risorse a disposizione non consentano di dare la giusta luce a tutti gli edifici storici presenti; molti di essi, infatti, dovrebbero essere sottoposti a manutenzione.

St Augustine FL Aviles St entr01 150x150 Fly and Drive Florida + Miami Passeggiando, notiamo subito la particolarità delle strade del centro, quasi tutte lastricate di ciottoli. Il centro è un concentrato di monumenti e musei e c’è davvero l’imbarazzo della scelta; dietro ogni angolo si cela un particolare, un pezzo di storia di questa terra da poter curiosare.

Uno degli elementi più affascinanti è pobabilmente il Castillo de San Marcos National Monument, un imponente forte costruito dagli spagnoli nel XVII secolo che sovrasta la città. L’edificio che ci ha colpito di più è l’Oldest Wooden School House, una scuola che risale a duecento anni fa ed è interamente realizzata in cedro rosso e cipresso

Tra i musei il più spettacolare e assolutamente imperdibile è il Spanish Quarter Living History Museum, un museo vivente che si estende su una superficie di 8.000 metri quadri e riproduce la St. Augustine del 1740. Camminando all’interno di questo villaggio ci ritroviamo immersi nella vita del XVIII secolo, con mestieri, costumi e abitudini dell’epoca. Usciamo soddisfatti e torniamo in albergo per prepararci all’ultima tappa di questo fantastico viaggio: Orlando.

Orlando

Impossibile visitare Orlando se si va di fretta. Per questo scegliamo di dedicarvi ben tre giorni del nosro tour, distribuendoci tra parchi a tema e gite “spaziali”.

Avvicinandoci alla nostra meta notiamo subito che man mano che la città si avvicina crescono a dismisura il numero di corsie della highway che stiamo percorrendo, passando da tre corsie fino a sette per senso di marcia; il ruolo che Disneyworld ricopre per l’economia della città è decisamente evidente: incontriamo segnali stradali con le orecchie di Mickey Mouse e addirittura tralicci dell’alta tensione a forma di Topolino.

La città deve la sua fama alle numerose attrazioni che ospita ed in particolare:

  • Walt Disney World con i suoi parchi a tema
  • Magic Kingdom  target familiare,
  • Epcot
  • Disney’s Animal Kingdom, il più grande zoo degli Usa
  • MGM Studios
  • Universal Studios 
  • Parco Acquatico Sea World (più grande del mondo)

Disneyland 06 150x150 Fly and Drive Florida + Miami Qui abbiamo anche provato diverse attrazioni come il cinema dinamico dove si simula un elicottero che precipita in Antartide, il long flume ride Atlantis, simile a Niagara di Mirabilandia e il roller coaster Kraken.

Chi ama la vita notturna, invece, deve assolutamente andare almeno una volta a Pleasure Island, dove ogni notte si festeggia il Capodanno: 6 night-club, ristoranti, giochi e musica; un clima allegro e festoso dove poter far baldoria fino a tarda notte accompagnati da una temperatura mite (raramente calda e afosa) e un cielo terso pieno di stelle.

Un giorno intero va riservato al Kennedy Space Center. Prendiamo la macchina dopo una riposante notte in albergo e una ottima colazione all’americana e ci dirigiamo verso Cape Canaveral che dista circa un’ora da dove ci troviamo. Fate attenzione perchè bisognerà cambiare all’incirca tre strade a pedaggio, ma le indicazioni sono numerose e chiare.

Arrivati a destinazione, siamo affascinati e colpiti dalla grandezza del centro ede mozionati all’idea di entrare nel quartier generale della NASA.

Per prima cosa ci troviamo a dover scegliere quale tipologia di biglietto acquistare: visita a tutte le aree, visita guidata su un bus che fa due soste, audioguida (anche in italiano).

Attenzione: il biglietto è un pò costoso, in media circa 50 $

(arriva fino a 70 $ a persona). Sostanzialmente lo Space Center è un enorme museo dove poter vedere le rampe di lancio non più in uso dello Shuttle, una copia in scala reale dell’astronave che portò l’uomo sulla Luna e anche una simulazione del terreno lunare; per gli appassionati si potrà assistere anche al racconto delle missioni spaziali e al countdown prima del lancio grazie ad un simulatore che incontriamo sul nostro cammino, lo Shuttle Lunch Experience. Durante il nostro tour ci siamo proprio sentiti come se fossimo astronauti, secondo la filosofia del parco “what the Astronauts see, feel and live”.

Dal Giardino dei missili, prendiamo il bus per fare il tour guidato (che vi consigliamo). La prima tappa del tour è l’ Apollo/Saturn V Center. All’interno assistiamo ad una simulazione di quello che accade nella stazione di controllo prima di un lancio dello Shuttle.

Successivamente ci spostiamo verso il LC-39 Observation Gantry. Dopo aver visto un filmato che spiega il funzionamento delle torri di lancio, saliamo in cima all’edificio dove c’è una vista panoramica sulle due torri di lancio LC-39A e LC-39B. La terza tappa del tour è l’International Space Station Center all’interno della quale si possono osservare alcuni componenti della Stazione Spaziale Internazionale che è in orbita intorno alla terra dal 1998.

 

YouTube: please specify correct url

 

 

Nome

Email

Cellulare

Mese

Settimana

Adulti

Infant 0-3 anni

Child 3-14 anni

Aeroporto di partenza

Come ci hai conosciuto ?

Grazie

Richieste