SERVE AIUTO?

06 21.11.79.51

Per un consiglio, consulenza
o anche solo per salutarci!
Saremo lieti di aiutarti.

IT’S TESTED!

IT’S TESTED

Scopri la differenza Play Viaggi

IT’S TESTED è un certificato che garantisce
la reale conoscenza della struttura.
Proviamo personalmente ogni villaggio prima
di pubblicarlo.

Testiamo i nostri villaggi
Evidenziamo pregi e difetti
Forniamo foto e video reali


Ricevi offerte esclusive!


Social

VILLAGGI IN EGITTO

E' stato dichiarato come "Il paradiso dei subacquei", un mare incontaminato dalle inesauribili ricchezze faunistiche, un vero e proprio museo dell'architettura naturale, si parla del Mar Rosso. Ogni anno il Mar Rosso è meta turistica d'eccellenza sia per i vacanzieri sia per gli amanti del turismo ecologico. A dispetto delle più rinomate località dell'Oceania, la barriera corallina del Mar Rosso è di gran lunga la più varia e interessante che si possa esplorare, tanto per la vastità delle specie marine che la abitano tanto per l'intensità cromatica che essa riflette. Nondimeno il Mar Rosso bagna le principali località turistiche egiziane e avvolge dividendosi in due rami la penisola del Sinai, patrimonio naturale e culturale del mondo intero. L'Egitto conquista, grazie al contributo ambientale offerto dal Mar Rosso, un'importante fetta del turismo internazionale, proponendosi come antagonista privilegiato al 'turismo mediterraneo'. Le località bagnate dal Mar Rosso sono tra di loro molto diverse pur essendo sullo stesso mare e hanno specifici luoghi d’interesse unici e non altrove riscontrabili. Ogni meta è caratterizzata da un target di turisti, poiché, l'offerta ricettiva e l'ospitalità variano considerevolmente da una regione all'altra.Sharm El Sheik, competitività e servizi di alto livello.

Come scegliere un villaggio in Egitto
Geograficamente posta a sud della Penisola del Sinai, Sharm El Sheik è il cuore pulsante del turismo egiziano, con prezzi competitivi offre servizi d'eccellenza paragonabili alle migliori località turistiche del mondo. La città sembra un unico grande agglomerato di villaggi turistici. Il clima in questa località è caldo tutto l'anno, le temperature hanno un'escursione termica tra i 35 e i 45 gradi centigradi, il sole è presente ogni giorno. Le precipitazioni sono poco rilevanti e sono distribuite perlopiù nel periodo che va da dicembre agli inizi di marzo. La città di Sharm El Sheik ha un suo aeroporto che serve in modo soddisfacente tutte le destinazioni internazionali più importanti. Prescindendo dal valore inestimabile dello scenario e dalla qualità dei servizi erogati dalle strutture, Sharm El Sheik è famosa principalmente per essere la meta più importante del mondo per gli appassionati d’immersioni, snorkeling e fotografia subacquea. La temperatura dell'acqua è piacevole per ogni tipo d’immersione. L'intrattenimento è di alto livello, pub, discobar e luoghi di ritrovo sono spesso frequentati da artisti e dj di calibro internazionale. Non va dimenticata la possibilità offerta dalle feste nel deserto, si tratta di spettacoli di sicuro intrattenimento per ogni tipo di turista, dal semplice curioso all'esperto viaggiatore. Queste feste rappresentano uno dei tanti modi per scoprire la cultura del Sinai e in parte quella dell'Egitto. Sharm El Sheik è una meta consigliata principalmente nella stagione estiva ma idonea in autunno a tutti coloro i quali non vogliono soffrire troppo la pressione della calura estiva.Berenice, la costa selvaggia del turismo egiziano.

Il Mar Rosso sembra fondersi con le coste sud-orientali dell'Egitto creando un ambiente unico, selvaggio, tipico della natura incontaminata e meta del turismo culturale e paesaggistico. Lontana da Sharm El Sheik, Berenice è molto diversa dal quel modello di turismo di massa, è una località completamente immersa nella natura. Dal punto di vista naturalistico è più competitiva delle altre località, non attrae un turismo da divertimento, ma perlopiù un turismo esplorativo. Le biodiversità delle specie coralline presenti in questa zona hanno permesso il rilancio dell'economia turistica di tutto l'Egitto.

Il Clima e i periodi migliori
I periodi consigliati per visitare Berenice si estendono dalla primavera all'autunno. Il clima è caratterizzato da un’escursione termica con una range più larga rispetto a quella di altre località, nei mesi freddi le temperature minime sono intorno ai 18 gradi, mentre le massime intorno ai 25 gradi. L'estate, invece, le temperature hanno picchi di 40/42 gradi centigradi e non scendono mai sotto i 30. Le precipitazioni sono nulle, non rilevanti nemmeno statisticamente, mentre il vento da ottobre a marzo è più sostenuto e l'area si presenta molto ventilata. La città è sorta attorno ad un nucleo primario, abitato da tribù beduine, in seguito vi è stato uno sviluppo repentino. Negli ultimi anni, il rilancio turistico derivato dalla riscoperta di zone inesplorate del Mar Rosso ha attratto appassionati e cultori delle immersioni subacquee. Questa località rappresenta la scelta di elezione per un turismo ecologico e paesaggistico.

Marsa Alam
Marsa Alam, è la località del Mar Rosso del turismo individualista. Fino a poco meno di dieci anni fa questa località era un villaggio di pescatori beduini e trasformata, da cinque o sei anni a questa parte, in una meta per naturalisti con un’eccellente ospitalità e una grande capacità ricettiva delle strutture residenziali turistiche. Marsa Alam è anche meta di visitatori non vacanzieri poiché da questa località vi è la via per buona parte del patrimonio archeologico dell'Egitto, infatti, la strada che collega la cittadina alle aree archeologiche esiste dal periodo storico di Tolomeo II. Zona discretamente ventilata d'estate, ma molto ventilata d'inverno, Marsa Alam ha un'escursione termica paragonabile a quella di Berenice, le temperature invernali non scendono sotto i 18 gradi e non superano i 27 gradi centigradi. L'estate o largamente durante tutto il periodo che va da giugno a ottobre le temperature sono abbastanza alte con medie stagionali di 40 gradi e picchi fino a 45/48 e temperature minime mai inferiori ai 32/35 gradi. Non esiste una stagione delle piogge poiché le precipitazioni sono nulle e non fanno statistica. Nel periodo autunnale durante la notte si sta freschi rispetto il giorno. Questa meta è consigliata ai turisti che non amano il turismo rumoroso e caotico, perfetta per coloro che prediligono soprattutto le risorse paesaggistiche marine e i siti archeologici della Valle del Nilo. I collegamenti internazionali sono ben serviti e facilmente raggiungibili dal villaggio.

Dahab, la "perla dorata" del Sinai
Il suo territorio, le sue spiagge, il riverbero che le colline a ridosso le riflettono hanno dato a Dahab il nome che si merita, ossia 'oro'. Dahab è un luogo incomprensibile dal punto di vista ricettivo, villaggi All inclusive e ostelli per la gioventù si contendono proporzionalmente tutto il turismo che arriva in zona. Questa località è molto ventilata ed è esposta in modo favorevole per chi ama fare il windsurf, infatti, i surfisti in qualunque stagione non restano mai senza vento, che qui soffia da nord verso sud. E' rilevante l'assenza, quasi totale, di precipitazioni e una temperatura molto calda che l'estate si aggira mediamente intorno ai 40/42 gradi centigradi, percepita un po' più alta a causa del vento. Le acque sono calde e in costante movimento grazie alla buona ventilazione. L'inverno è abbastanza mite, alcuni turisti vi si recano per stare più freschi. Come meta turistica è consigliata un po' a tutti, poiché Dahab rappresenta anche la porta d'accesso al profondo Sinai, difatti, frequenti sono i viaggi organizzati per il noto Monastero di Santa Caterina che partono da questa località.

Sharm El Sheikh
Oltre ai soliti turisti che popolano locali e night (che qui sono meno costosi che a Sharm El Sheik), s’incontrano anche turisti fai da te e viaggiatori in cerca di esperienze nuove. L'area desertica e il paesaggio roccioso singolare del Sinai offrono uno spettacolo naturale gradevole e unico. Non c'è una vita notturna rilevante, pertanto il luogo è certamente indicato per le famiglie e per i turisti amanti del divertimento poco caotico. Numerosi sono i punti d’immersione, in alcuni tratti anche molto pericolosi. I canali subacquei che uniscono la laguna al mare aperto possono rivelarsi insidiosi, soprattutto per chi non ha una lunga esperienza nelle immersioni.Safaga, dal mare alla Valle dei Templi.

Trovandosi a circa 200 km da Luxor e appena 50 Km da Hurghada, il capoluogo del Governatorato del Mar Rosso, Safaga è un'importante cittadina turistica rinomata per gli sport acquatici, primo tra tutti il windsurf, ospitandone i campionati mondiali. A tale proposito va subito detto che Safaga si trova in un’area molto ventilata sia durante la stagione estiva sia in quella invernale, tutto questo grazie alla sua posizione strategica che la espone bene alle correnti d'aria. Le precipitazioni sono pressoché nulle, non si registrano da decenni forti piogge o fronti temporaleschi degni di nota. Le temperature si aggirano in media intorno ai 40/45 gradi l'estate e ai 22/25 gradi l'inverno. Safaga è una località molto calda, il clima è secco. Le acque sono calde e la biodiversità che si trova nella sua barriera corallina è vasta, essa include mante, squali, testuggini, tonni e altre specie di pesci tropicali di media taglia.

Le spiagge in talune zone sono bianchissime e la sabbia è molto fine, ricorda in parte i luoghi tropicali dell'Australia nord orientale. Safaga attira un turismo di massa, l'organizzazione di escursioni subacquee e verso la Valle dei Templi è ben gestita e ogni periodo anno attrae i visitatori in cerca di esperienze culturali. La vita notturna è vivace, spettacoli e intrattenimenti sono un importante aspetto dell'offerta turistica e rappresentano una fonte di lavoro fondamentale per gli abitanti. Le acque particolarmente saline sono dotate di proprietà curative naturali per la pelle e per gli eczemi. Alcune aree presentano dune di sabbia nera, ideale per chi desidera un alto grado di abbronzatura. Safaga è una cittadina
che propone un serbatoio di sicuro interesse culturale, peasaggistico e naturalistico sia per il turismo fai da te sia per il turismo professionale.

Luxor
La città di Luxor è l'antica Tebe, la capitale del potente regno egizio, regno che già quattromila anni fa era considerato un vero e proprio faro di civiltà per tutti i popoli mediorientali. Secoli e secoli di grande splendore hanno lasciato possenti testimonianze archeologiche in tutta l'area circostante e Luxor può considerarsi come un grande museo a cielo aperto, dove si ergono templi maestosi, palazzi lussosi e una necropoli tra le più fastose al mondo: la Valle dei Re.
Visitare la città in una sola giornata è alquanto riduttivo perché si potrebbero vedere solo i monumenti più noti e, per poter immergersi appieno in quell'atmosfera così ricca di storia, è consigliabile programmare un soggiorno di alcuni giorni, che darà anche modo di apprezzare la città moderna, elegante e discreta che, con il suo bel lungo Nilo ha un fascino decisamente più suggestivo di metropoli come Il Cairo o Alessandria.
In piena città, sorgono i due complessi templari che da soli valgono il viaggio fino in Egitto: i templi di Amon e di Karnak. E' impossibile non visitarli, così come non si può non rimanere stupefatti di fronte alla loro magnificenza.Il complesso dedicato al dio Amon è stato edificato a partire dal XIV secolo a. C. e già Alessandro Magno, mille anni dopo, aveva intrapreso la sua opera di restauro. Abbandonato fino al medioevo, accanto ad esso è poi sorta la moschea di Abu Al Hajajj, costruita sul tetto del cortile di Ramses perché allora gran parte del complesso era insabbiato.

Karnak ed i suoi Templi
Dirigendosi verso sud, ci si trova a percorrere la via denominata dromos, fiancheggiata da sfingi dalla testa umana e quindi si entra nell'ancor più stupefacente tempio di Karnak.
A soli tre chilometri dal centro abitato si trova la meravigliosa necropoli denominata Valle dei Re, perché ospita le sepolture di numerosi faraoni che regnarono sull'Egitto nel periodo compreso tra il XVI e il XII secolo a. C. Qui è possibile visitare le tombe e ammirare i preziosi affreschi parietali, peccato che però la più celebre, quella di Tutankamon, preveda un biglietto di ingresso.

Proprio accanto alla Valle dei Re, sorge quello che viene definito uno dei più incomparabili monumenti dell'antico Egitto, il tempio di Hatshepsut, la donna faraone, e nel grande complesso funerario è possiile ammirare ancora oggi i preziosi affreschi e le decorazioni architettoniche che lo rendono unico per la sua raffinata eleganza.Poiché dalle sepolture regali sono stati asportati tutti gli oggetti che non sono stati predati dai ladri, non si dovrebbe mancare neppure la visita al museo cittadino che, pur essendo molto meno ricco di quello della capitale, espone con una particolare cura i reperti permettendo di apprezzarli maggiormente.
Abbandonando poi le antichità, vi è un luogo alquanto suggestivo da visitare: la casa di Howard Carter. l'archeologo che scoprì la tomba di Tutankamon.
Una passeggiata serale sulla Corniche, il lungo Nilo, è quanto mai rilassante e suggestiva, anche se si deve tenere a bada le decine di venditori ambulanti che cercano di propinare qualsiasi merce.
Prima di partire da Luxor, è poi assolutamente consigliata una visita al Museo della Mumificazione, piccolo e raccolto, è tuttavia estremamente interessante.

Marsa Matrouh
Affacciata sulla sponda orientale del Mediterraneo, Marsa Matruh è una delle crescenti realtà dell’Egitto. Situata tra i confini libici ed Alessandria, è una delle località turistiche del nord Africa che sta avendo maggiore successo negli ultimi anni. Poco conosciuta fino a qualche tempo fa, Marsa Matruh, sta piano piano diventando una delle mete più richieste del Mediteranneo. Le lunghe coste di sabbia bianchissima che fanno da contorno ad un mare dai colori suggestivi, infatti, stanno attirando molti turisti, soprattutto del Vecchio Continente, che cercano caldo, relax ma non solo. La spiaggia di Cleopatra spicca sicuramente come uno dei luoghi marini più incantevoli della località: a pochi passi dal deserto, la sabbia, che pare borotalco, si lascia abbracciare sullo sfondo dai maestosi faraglioni, creando un connubio spettacolare tra terra e mare. Proprio qui dove narra la leggenda sembra sia sbocciato l’amore tra Marco Antonio e Cleopatra che, nelle acque dal colore caraibico, trascorrevano insieme intere giornate. Mito e natura vanno a braccetto in un luogo davvero indimenticabile. Nonostante il paesaggio marittimo e le bellezze naturali siano il fiore all’occhiello di questa città, Marsa Matrouh è anche molto altro: le testimonianze storiche della località sono affascinanti al pari delle spiagge e del mare cristallino. Un esempio è la Moschea Principale, uno dei luoghi maggiormente visitati della città, molto conosciuta per una sua, quasi unica, particolarità. All’interno della struttura, infatti, oltre ai canonici segni che rimandano alla religione mussulmana esistono reperti che si ascrivono chiaramente al Cristianesimo e alla sua presenza su questi territori: un binomio emozionante per chi lo visita, un matrimonio tra culture completamente diverse che trova la sua collocazione tra arte e mistero.Per chi, invece, apprezza la storia e le sue realizzazioni architettoniche non può mancare tra le mete da visitare il Museo di Rommel, costruzione ricavata all’interno delle omonime grotte antistanti la spiaggia. Il museo, completamente dedicato al maresciallo tedesco passato ai libri di storia come la Volpe del Deserto, è un omaggio al militare che proprio su queste coste aveva creato il suo quartier generale durante la Seconda Guerra Mondiale. Reperti dell’epoca ed effetti personali posseduti dall’esponente nazista sono custoditi all’interno del museo in pietra che suscita effetti ed emozioni discordanti in chi lo visita, a causa dei suoi contenuti, che si possono definire, a dir poco controversi.

Coloro che scelgono Marsa Matrouh per conoscere meglio la cultura del luogo, infine, non rimarranno certo delusi facendo un salto al mercatino libico. Un luogo ricco di fascino dove gli abitanti locali propongono, nel classico stile carico e vigoroso proprio delle popolazioni nordafricane, decine di prodotti tipici. Olive, datteri e altre leccornie della tavola egiziana, si alternano a venditori di pecore e cammelli, creando uno scenario inusuale e affascinante al tempo stesso per i turisti. E’ situato esattamente al centro di Marsa Matrouh, e rappresenta al meglio la città non solo per la collocazione geografica, ma anche per l’essenza di vita reale che rappresenta. Profumi speziati, odori forti e intensi riempiono l’aria di una città semplice e vera, una città d’altri tempi.

Seguici su
Facebook Twitter Google+ Instagram LinkedIn YouTube
Pagamenti sicuri e certificati
Visa Master Card Pay Pal Poste Pay Maestro

Play Viaggi Italia - P.I. 12802221007 Operante con licenza Turistica "PLAYERS" R.U. 4355
Sede operativa - via Tiburtina 912 Roma | Sede legale - via Giacomo Laurenzani 46 Roma